‘La mela di Aism’ in 5.000 piazze italiane

Lo chef Alessandro Borghese è il testimonial consolidato di 'La Mela di AISM'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Una mela per la lotta alla sclerosi multipla. Una malattia che colpisce principalmente i giovani, di cui non si conoscono ancora le cause e di cui non esiste la cura definitiva. È in 5mila piazze italiane l’iniziativa, avviata il 4 ottobre- giornata del Dono – la ‘Mela di AISM’: 13 mila volontari distribuiranno oltre 4 milioni di mele a fronte di una donazione minima di 9 euro, con cui si potrà portare a casa un sacchetto da 1,8 kg di gustose mele rosse, verdi e gialle.

La ‘Mela di AISM’ è promossa dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla e si svolge sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica con il patrocinio della Fondazione Pubblicità Progresso. Alla manifestazione in piazza è legato anche il 45512: il numero solidale di AISM per garantire il sostegno a progetti di ricerca legati alla forma progressiva di sclerosi multipla, la forma più grave, a oggi orfana di trattamenti efficaci. Gli importi della donazione saranno di 2 euro da cellulare personale Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Iliad, CoopVoce, Tiscali; di 5 euro da chiamata da rete fissa TWT, Convergenze e PosteMobile; di 5 o 10 euro da chiamata da rete fissa TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb, e Tiscali.

Lo chef Alessandro Borghese è il testimonial consolidato di ‘La Mela di AISM’. Anche quest’anno è possibile per due persone volare a New York e visitare il Centro di ricerca per la sclerosi multipla al Mount Sinai hospital di New York. Per l’occasione Best Western, nostro partner in questa iniziativa, ha messo a disposizione un fantastico soggiorno in un hotel del gruppo. Qualsiasi donatore (chi va in piazza, chi dona con numero solidale o online) potrà iscriversi su melagioco.aism.it partecipando all’iniziativa #MELAgioco. Tutti coloro che si iscriveranno riceveranno inoltre un ricettario esclusivo per sperimentare tante bontà con le mele.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»