Il partito di Conte oggi vale l’8,3%: Renzi attacca e il premier lo stronca

L'editoriale di Nico Perrone, direttore dell'Agenzia di stampa Dire, per Direoggi | edizione del 4 ottobre 2019
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Uno scontro senza esclusione di colpi. Da una parte il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, che critica il Governo per una manovra poco coraggiosa e di scarso rilievo; dall’altra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che la difende e gli replica a muso duro.

LEGGI ANCHE: Sondaggio Dire-Tecnè: il partito di Conte vola sopra l’8%, la Lega cala ancora

«Tutti devono partecipare con il massimo impegno – ha detto Conte – noi non abbiamo bisogno di fenomeni, poi se c’è qualcuno che vuole andare tutti i giorni in tv o sulla stampa faccia pure, ma nella consapevolezza che quando ci si siede al tavolo ci si siede correttamente, non si rivendicano primati che non riconosco a nessuno».

Vere e proprie pallottole verbali, che segnalano un alto grado di conflittualità nella maggioranza. Ma questo è il gioco di Renzi, che oggi si è presentato anche ad un appuntamento organizzato dai sindaci Dem con a fianco l’ex sindaco di Pavia, Alessandro Cattaneo, di Forza Italia.

LEGGI ANCHE: Forza Italia, Polverini verso il misto: una decina gli azzurri tentati da Renzi

Chiaro il messaggio rivolto agli amministratori Dem e a chi boccheggia dentro al partito di Silvio: c’è Italia Viva per quelli che vogliono un futuro politico. Ad ascoltarlo anche Renata Polverini, già sull’uscio. In tanti scommettono che Cattaneo e Polverini alla prossima Leopolda annunceranno la loro adesione. E non saranno i soli.

Renzi è in movimento ed Enrico Letta, che a suo tempo ne ha subito le conseguenze, avverte Conte e Zingaretti: «Renzi vuol farvi ballare… Non è possibile un Vietnam quotidiano. Facciano con Renzi un patto: nel momento in cui lui non lo rispetterà si vada al voto».

LEGGI ANCHE: Letta avverte Conte e Zingaretti: “Renzi ha ripreso l’ascia di guerra, non fate come me…”

Per quanto riguarda l’ItalVivo, lui gongola. Continua ad essere al centro della scena, sta mietendo consenso dentro Forza Italia e, per il momento, non vuol troppo sconfinare dentro il Pd e il M5S. Ci sarà tempo.

Intanto il premier Giuseppe Conte non sta a guardare. Il sondaggio Dire-Tecnè di oggi fotografa la sua forza nelle intenzioni di voto: un suo partito al momento prenderebbe l’8,3% dei consensi. Forse è questa possibilità in gestazione, che naturalmente andrebbe a collocarsi nel Centro del campo politico, che ha spinto Renzi ad accelerare la fuoriuscita dal Pd e ad assumere un profilo conflittuale. Perché al centro c’è lui, e deve bastare.

LEGGI DIREOGGI | EDIZIONE DEL 4 OTTOBRE 2019

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»