Fioramonti: “L’esame di maturità non cambierà”

Il ministro spiega di avere particolarmente a cuore la Storia contemporanea: "Forse varrebbe la pena introdurre un focus specifico"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ho da subito sottolineato che non ho voglia di cambiare l’esame di maturità per l’ennesima volta. Ogni volta che un ministro si insedia cambia l’esame di maturità, come a voler ammettere che non è in grado di cambiare nient’altro. Sono però cosciente che sulla prova di storia all’esame è necessario avviare una riflessione. In questo senso vorrei apporre degli interventi migliorativi senza però fare delle modifiche sostanziali“. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, intervenendo al convegno sulla Storia organizzato a Roma dalla Gilda degli Insegnanti.

Mi sta a cuore che gli studenti possano confrontarsi con la storia recente. È un problema che non so come risolvere perché il programma è lungo, forse varrebbe la pena introdurre un focus specifico sulla storia contemporanea. La storia- ha aggiunto- è anche un modo per comprendere come le generazioni passate hanno immaginato un futuro per poi realizzarlo”. “Credo molto in un approccio alla storia che superi la superficialità del libro di testo. È come se raccontassimo una storia che è la versione libresca del ‘Trono di spade’. La storia non è solo una sequenza di battaglie, c’è molto di più”, ha poi specificato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»