Disagi Trenord, la Lega accusa il Pd e il M5s accusa la Lega

Ieri tilt informatici al sistema di biglietteria di Trenord, pesanti ripercussioni per i viaggiatori
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – La Lega incolpa il Comune di Milano per i tilt informatici al sistema di biglietteria di Trenord, il M5s risponde accusando il Carroccio di aver affossato l’azienda ferroviaria.

“La Lega è senza pudore, nelle ultime due settimane ha bocciato in Consiglio regionale due diverse mozioni che avrebbero almeno alleviato le sofferenze quotidiane dei pendolari”, afferma il pentastellato Nicola Di Marco, rispondendo al leghista Alessandro Corbetta. L’esponente del Carroccio ha infatti denunciato disservizi su 18 linee tra cui molte linee brianzole “come la Monza Lecco Molteno o la Milano-Carnate-Lecco”, incolpando principalmente “l’amministrazione comunale di Milano a guida Pd che volendo accelerare sulla tariffazione integrata sta penalizzando i pendolari di tutta la Lombardia”. Corbetta ha comunque precisato come ciò non debba essere un alibi invitando Trenord “a darsi da fare per risolvere celermente queste criticità” e annunciando di presentare a breve una proposta in Consiglio regionale “per chiedere di ovviare celermente a questi problemi, ma anche per potenziare le compensazioni a chi ha subito l’aumento in quanto fruitore del solo treno”. Non ci sta il M5s, che con Di Marco rincara: “Che i vertici di Trenord non siano all’altezza lo denunciamo da anni- sottolinea il grillino- francamente è inaccettabile che il consigliere Corbetta dimentichi che negli ultimi decenni è il suo centrodestra ad avere governato la Lombardia con scelte totalmente inadeguate per il trasporto su ferro. Le loro nomine hanno affondato Trenord“. Per Di Marco “ammettere un fallimento di proporzioni epocali come quello del trasporto pubblico in Lombardia non è facile. Ma sarebbe il punto di partenza per ricostruire sulle macerie”. 

Secondo il consigliere regionale del Pd Pietro Bussolati, Corbetta dovrebbe avere “il coraggio di prendersela con Fontana e con la Terzi e chieda loro di risolvere i problemi. Giusto martedì abbiamo proposto in Consiglio regionale una mozione per mantenere in vita gli abbonamenti ‘solo treno’ ma Corbetta, come tutta la Lega, ha votato contro. Ognuno si assuma le responsabilità di ciò che vota“. Inoltre, ricorda il dem, “la sua assessora Terzi ha pure tolto i bonus per i ritardi ai pendolari, usando come scusa il biglietto integrato. Così i pendolari continueranno ad avere i disagi ma non avranno nemmeno i rimborsi. Complimenti!”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»