Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, parte la nave delle Ong italiane: parlamentari di Sinistra Italiana danno 460mila euro

Una nave italiana, “Mediterranea”, è partita dalle nostre coste per svolgere un'attività di monitoraggio, testimonianza e denuncia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una nave italiana, “Mediterranea”, è partita dalle nostre coste per raggiungere il Mare Mediterraneo per svolgere un’attività di monitoraggio, testimonianza e denuncia della drammatica situazione che vede costantemente donne, uomini e bambini affrontare enormi pericoli nell’assenza di soccorsi, nel silenzio e nella complice indifferenza dei governi italiano ed europei.

Il progetto vede tra i promotori varie associazioni, Onlus, ONG tra cui Arci nazionale, Ya Basta di Bologna, la ONG Sea-Watch, il magazine online I Diavoli e l’impresa sociale Moltivolti di Palermo.

I garanti del progetto sono un gruppo di parlamentari di Sinistra italiana, con il sostegno di esponenti del mondo della cultura e della società civile.

PARLAMENTARI SINISTRA DANNO 460MILA EURO

La nave di monitoraggio e soccorso in mare ‘garantita’ dai parlamentari della Sinistra Italiana. ‘Garantita’ in senso letterale. Perche’ oltre al sostegno ‘morale’ e di fatto a ‘Mediterranea’, i parlamentari di Sinistra Italiana hanno sottoscritto una fideiussione per 460mila euro. Sull’atto le firme di Nicola Fratoianni, Erasmo Palazzotto, Rossella Muroni e Nichi Vendola.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»