Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Pensioni. Fondiss, Nibbio nuovo presidente

SAN MARINO -  Il Comitato amministratore di Fondiss ha
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

fondissSAN MARINO –  Il Comitato amministratore di Fondiss ha affidato la sua presidenza a Renato Nibbio. Come spiega una nota del Fondo di previdenza complementare, la nomina è avvenuta secondo quanto previsto dalla normativa vigente che prevede al termine del mandato annuale, l’elezione del presidente eletto dal Comitato Amministratore al proprio interno, “seguendo il criterio della rotazione in modo tale che le tre componenti – pubblica, sindacale e datoriale – ricoprano la carica almeno una volta nell’arco della durata di un mandato”. Nibbio prende così il posto del presidente uscente, Lino Sbraccia che il Comitato ringrazia “per l’impegno e per l’opera prestata durante il suo mandato annuale”.

Il Comitato amministratore di Fondiss è attualmente composto, oltre che dal Presidente, da Raffaele Bruni, Riccardo Casadei, Flavio Casetti, Luca Filanti, Sante Ruggero Lonfernini, Angela Piazzolla, Lino Sbraccia e Alessia Scarano. Il neo-eletto ha infine confermato che “il suo mandato sarà caratterizzato dall’ottica di trasparenza ed informazione nei confronti degli iscritti e della cittadinanza”, metodo che, sottolinea la nota, il Comitato Amministratore ha da tempo posto alla base della sua attività.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»