Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

De Luca: “Nel centro storico di Napoli videosorveglianza di ultima generazione”

Entrano in funzione 48 telecamere, 13 sono al Rione Sanità (più 22 rilevatori di targa)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

de-lucaNAPOLI – Entrano in funzione le telecamere di videosorveglianza nel centro storico di Napoli.

Il programma, finanziato dalla Regione Campania per 1,2 milioni di euro, prevede l’installazione di 48 apparecchi visibili in città e collegati con le centrali operative di polizia, carabinieri e polizia municipale.

Due telecamere stand alone sono poi state consegnate alla questura di Napoli e altre tre saranno installate nelle prossime settimane. “Si tratta di un sistema di tecnologia avanzata – ha spiegato oggi, in conferenza stampa a Napoli, il governatore campano, Vincenzo De Luca – con telecamere ad alta definizione e zoom, funzionanti h24. Sono state poste a un’altezza tale da poter scorgere il viso di una persona anche al di sotto della visiera di un cappello. Purtroppo, pur avendo 700 telecamere su tutto il territorio cittadino, hanno tecnologie desuete. Questo è uno sforzo importante che facciamo per la nostra sicurezza e intendiamo lavorare per estendere quasi dappertutto la videosorveglianza”.

La Regione ha infatti deciso di finanziare il programma per la videosorveglianza anche al quartiere Sanità dove saranno installate 13 telecamere e 22 rilevatori di targa.


“Investiamo un altro milione di euro – ha aggiunto De Luca -, entro questo mese partiamo con la gara”. “Il messaggio politico – ha detto il governatore in conferenza stampa – è che noi siamo in prima fila, impegnati al contrasto di ogni forma di delinquenza, organizzata o meno. Bisogna spiegare a tutti che non c’è voglia arrendersi, né a Napoli né in Campania. La tragedia vera è verificare la condizione di degrado di alcuni territori dove ci sono continui atti delinquenziali di piccole bande di imbecilli”.

Il finanziamento prevede anche la formazione di personale e tre anni di manutenzione, “e per tre anni – ha concluso De Luca – abbiamo finanziato un altro progetto importante per la sicurezza, ‘Scuola Viva’. Con 25 milioni di euro stanziati dalla Regione, circa 500 scuole, quasi la metà di quelle campane, potranno aprire in orario pomeridiano. Se avremo una ricaduta importante, lo finanzieremo anche per i prossimi anni”.

LEGGI ANCHE

Champions League, l’urlo dei tifosi del Napoli registrato dai sismografi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»