Oscurata tv in Turchia: “Sostiene curdi e terroristi”

Blitz degli agenti nella redazione di 'Imctv', prorogato lo stato di emergenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

oscurata_tv_turchia_ImctvROMA – La polizia in tenuta anti-sommossa ha fatto irruzione oggi a Istanbul nella redazione dell’emittente nazionale ‘Imctv‘, imponendo la sospensione delle trasmissioni. Con il blitz gli agenti hanno eseguito un’ordinanza dei magistrati risalente a venerdi’, che aveva colpito nel complesso 12 emittenti accusate di legami con il Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk) e di sostegno al terrorismo.

Dopo l’interruzione delle trasmissioni i giornalisti di ‘Imctv’ hanno denunciato il provvedimento continuando la diretta su Periscope, l’applicazione di video streaming.

Ieri il governo del presidente Recep Tayyip Erdogan aveva prorogato di tre mesi lo stato di emergenza imposto dopo il tentato golpe di luglio. Una vicenda, questa, all’origine di una stretta anche nei confronti di giornalisti e mezzi di informazione non allineati: oltre cento gli arresti, altrettante le testate sospese.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»