Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bologna, un’altra notte insonne in via Petroni/ VD

I residenti, di nuovo imbufaliti, hanno raccolto 'prove' di come potrebbe diventare la via se davvero fosse pedonalizzata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

91effcc6133a4b16e712f5c3466340b3BOLOGNA  – Ancora notti insonni in via Petroni a Bologna: ieri sera e fino alle ore piccole, di fatto come un normale sabato sera data la festività di San Petronio di oggi, la strada nel cuore della zona universitaria si è riempita di persone e i residenti hanno documentato (e condiviso via social) tutto: con foto, video ed anche registrazioni audio per dare l’idea dei disagi con cui convivono, in primis il frastuono causato dalla folla.

Un paio di video mostrano anche le auto che faticano a passare nella via a causa dell’assembramento di persone in mezzo alla strada.

Tutte ‘prove’, per i residenti, di come potrebbe diventare la via se davvero fosse pedonalizzata. E poi il caos non c’è solo per strada, ma anche in alcuni palazzi per via di feste che iniziano nel cuore della notte.


Residenti di via Petroni di nuovo imbufaliti, dunque. E domani sera in piazza Verdi e via Zamboni torna l'”Alma Riot Fest”, il festival antagonista della zona universitaria. “Porterà quest’anno sul palco scrittori, attori, cantanti e musicisti da Bologna e non solo”, annuncia in una nota il Collettivo universitario autonomo, che domani illustrerà in conferenza stampa il programma per le sere del 5 e del 6 ottobre.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»