Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Venezia 78 Penélope Cruz, Antonio Banderas e Oscar Martínez esilaranti in ‘Competencia oficial”

66180-PHOTOCALL_-_COMPETENCIA_OFICIAL_-_A_Banderas_P_Cruz_O_Mart__nez__Credits_La_Biennale_di_Venezia_-_Foto_ASAC_ph_G_Zucchiatti_
Presentata oggi la pellicola in Concorso alla kermesse. Il film diretto da Gastón Duprat e Mariano Cohn è una commedia che ironizza sul mestiere dell'attore e sul cinema
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Cosa succede quando due interpreti di talento e dall’ego smisurato vengono ingaggiati per girare un film insieme? Si muore dal ridere. Specie se a interpretare Félix, (una stella di Hollywood maniaca dei social) e Ivan (intellettuale attore di teatro) sono Antonio Banderas e Oscar Martínez. A fare da mediatrice, ma allo stesso tempo ad aumentare involontariamente la competizione tra i due, una vulcanica e sopra le righe affermata regista, interpretata da una Penélope Cruz dalla folta criniera rossa, per la seconda volta in questa edizione al Lido dopo Madres Paralelas’ di Pedro Almodóvar.

LEGGI ANCHE: RECENSIONE | A Venezia 78 ‘Madres paralelas’: Almodóvar tra maternità e desaparecidos

Sono loro i protagonisti di ‘Competencia oficial‘, film in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia presentato oggi alla kermesse. Dietro la macchina da presa due assidui frequentatori del festival, Mariano Cohn e Gaston Duprat, che nel 2016 proprio al Lido presentarono ‘Il cittadino illustre’, grazie al quale Martinez si aggiudicò la Coppa Volpi. Questa volta portano a Venezia una commedia metacinematografica che racconta il dietro le quinte di un set, esasperando, attraverso dei personaggi molto ben caratterizzati e dialoghi esilaranti, il lavoro preparatorio di interpreti e registi.

“Alcune cose che vediamo nel film mi sono capitate veramente. Ci sono attori che urlano prima della scena. La prima volta che mi è successo pensavo fosse una mucca”, ha raccontato Banderas in conferenza stampa al Lido insieme al regista e agli altri due protagonisti della pellicola.

“Gli esercizi preparatori del corpo e della voce li abbiamo fatti e visti fare e aiutano a collocarti nella scena, ma non devi dare fastidio- ha dichiarato Cruz interrogata su quali esperienze fuori dall’ordinario ha vissuto durante la sua carriera- Quando ho fatto ‘Non ti muovere’ non mi sono depilata per tre mesi e sono andata in giro con i denti neri ed era normale. Un’esperienza strana, invece, mi è stata raccontata da un’amica, di cui non farò il nome, a cui un regista ha chiesto di andare da uno psicologo specifico prima delle riprese di un film e quando ci è andata ha scoperto che lo psicologo era lui”.

Nel film a scontrarsi sono due modi molto differenti di concepire il mestiere dell’attore e il mondo del cinema: uno in apparenza ‘corretto’, fatto di lavoro sul personaggio (in stile Stanislavskij), rifiuto di cachet milionari e di premi ‘che riducono l’arte a una competizione sportiva’. L’altro fondato su apparenza, lusso e riconoscimenti. “Abbiamo riso con intelligenza dell’arte- ha spiegato Banderas- Il mio personaggio è maschilista, non mi somiglia. I suoi obiettivi non sono nobili. Di buono però c’è che è trasparente. Iván, invece, è più sibillino, dietro al suo essere politicamente corretto. Il narcisismo non è solo di chi si guarda e si piace, c’è anche un narcisismo intellettuale”.

( Foto Credits La Biennale Di Venezia- ASAC ph G_Zucchiatti)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»