Calcio, giallo in Egitto: sparita la Coppa d’Africa dei ‘faraoni’

L'ex portiere Shobair accusa Hassan, capitano della nazionale egiziana all'epoca delle vittorie che sono valse il trofeo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un mistero avvolge il calcio egiziano. La Coppa delle nazioni africane, il trofeo che i cosiddetti “faraoni” hanno il diritto di conservare nella sede della loro federazione dopo averlo vinto tre volte di fila tra il 2006 e il 2010, sarebbe “scomparsa”. A darne notizia e’ stato l’ex vicepresidente della Federazione calcistica dell’Egitto (Efa) ed ex portiere della nazionale Ahmed Shobair, che lo ha comunicato nel corso del programma televisivo ‘On Time’ che conduce su un’emittente locale, sottolineando: “Non si tratta di uno scherzo”. L’ex dirigente ha raccontato che alcuni funzionari dell’Efa sono rimasti “di sasso” nello scoprire l’assenza del trofeo dalla teca dov’era conservato.
Shobair ha indicato anche un colpevole: il capitano della nazionale egiziana all’epoca delle vittorie che sono valse il trofeo, Ahmed Hassan, che si sarebbe tenuto la Coppa. Il sospettato, miglior giocatore dell’edizione del 2006 del torneo, ha categoricamente negato. La Coppa delle nazioni africane non sarebbe l’unico testimone delle passate vittorie della nazionale egiziana a essere scomparso. La federazione ha confermato la sparizione dei trofei, senza specificare di quali si tratta. L’organismo ha informato la stampa locale che le coppe dovevano essere trasferite in un piccolo museo del calcio egiziano, in allestimento nella loro sede al Cairo.
Continuano quindi i guai per l’Efa. Dopo l’eliminazione dalla edizione casalinga della Coppa Africa nel 2019, alcuni dirigenti dell’organismo sono stati indagati per corruzione e malversazione.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»