fbpx

Tg Politico Parlamentare, edizione del 4 settembre 2020

BERLUSCONI RICOVERATO, SITUAZIONE TRANQUILLA

Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi e’ stato ricoverato nella notte all’ospedale San Raffaele di Milano, dopo aver contratto il coronavirus. Si tratta di un ricovero precauzionale, visto che l’ex premier e’ considerato paziente a rischio per l’età e per le patologie pregresse. “Ma la situazione è tranquilla e confortante”, spiega il suo medico personale Alberto Zangrillo. Berlusconi, che nei giorni scorsi ha avuto la febbre, presenta ora un “blando coinvolgimento polmonare”. È monitorato costantemente da un saturimetro per valutare la quantità di ossigeno nel sangue.

IL PAPA: NESSUNO SI SALVA DA SOLO

“Nessuno si salva da solo”. E’ il monito di Papa Francesco alla luce della pandemia da coronavirus che solo in Italia ha fatto segnare piu’ di 270mila contagi. In un messaggio inviato ai partecipanti al Forum Ambrosetti, il Pontefice ricorda che ogni scelta personale ricade sulla vita del prossimo. “Siamo stati costretti dagli eventi a guardare in faccia il nostro essere fratelli in una casa comune”, ha detto il Papa. La pandemia ha mostrato allo stesso tempo la grandezza della scienza ma anche i suoi limiti. Ha messo in crisi la scala di valori che pone al vertice il denaro e il potere. “Fare a meno del superfluo, andare all’essenziale- raccomanda Bergoglio- separare cio’ che rimane, da cio’ che passa”.

NEGAZIONISTI IN PIAZZA, E’ POLEMICA

In piazza contro una presunta ‘dittatura sanitaria’. Duemila persone si sono date appuntamento per domani dalle 16 a Roma in piazza Bocca della Verità per manifestare contro le misure del governo in tema di prevenzione e contrasto del contagio da coronavirus. Il raduno ‘negazionista’ vedra’ la partecipazione di sigle come il “Popolo delle mamme” e l’estrema destra di Forza Nuova. “Una follia allo stato puro”, commenta il segretario del Pd Nicola Zingaretti. “Mi fanno rabbrividire”, taglia corto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

RIAVVIO CAUTO PER LE IMPRESE

Oltre 310 mila le assunzioni previste a settembre. Una riduzione del 28,7% rispetto allo stesso periodo del 2019. Unioncamere e Anpal rilevano segnali di ripresa, in particolare per le costruzioni e le industrie alimentari. Aumenta inoltre la quota delle imprese che prevedono il recupero dei livelli produttivi pre-covid non prima di giugno 2021. Oggi intanto sciopero alla ex Ilva, con i sindacati che incalzano il governo a convocare un incontro. Per la Fiom “ArcelorMittal non ha nessuna intenzione di investire su Taranto, il tempo e’ scaduto e il governo la deve smettere di rincorrerla”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

4 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»