VIDEO | Prepararsi all’autunno con i consigli della naturopata

ROMA – L’estate e’ praticamente finita e i ritmi rilassati delle vacanze sembrano gia’ un lontano ricordo. Come fare per non cadere in preda dell’agitazione per le mille cose da fare e dei ritmi frenetici della vita quotidiana? Sicuramente e’ possibile prendersi delle micro pause e fare scorta di alimenti naturali e ricchi di vitamine che fanno bene.

Per capire da dove partire e quali sono i cibi giusti da mettere nel carrello l’agenzia di stampa Dire ha intervistato Cristina Settanni, naturopata, esperta di essenze floreali australiane e giornalista.

Come affrontare al meglio e pieni di energia l’arrivo dell’autunno?

“Ci aspetta un autunno pieno di cose da fare per cui traiamo beneficio, in questa fase di passaggio, di tutto quello che abbiamo incamerato dall’energia solare dell’estate. E poi un consiglio molto pratico che mi sento di dare e’ quello di non cominciare subito con i ritmi frenetici ai quali eravamo abituati prima dell’estate. E’ consigliabile cominciare gradatamente con delle piccole pause che fanno molto bene. A volte sembrano poche ma in realta’ sono molto utili a staccare la spina e consentire alla mente di rilassarsi anche solo per qualche minuto”.

Quando andiamo a fare la spesa quali sono i cibi che non devono mai mancare nel carrello?

“Noi abbiamo a disposizione la natura e quando parliamo di alimenti non raffinati la natura e’ la piu’ grande alleata per il nostro benessere perche’ ci sono cibi di stagione ricchissimi di colori, ricchi di vitamine e sostanze nutrienti che fanno molto bene e che ci possono aiutare. Quindi nel carrello non devono mai mancare la frutta fresca di stagione, le verdure di stagione, le proteine e i carboidrati, tra questi privilegiamo sicuramente i cereali integrali perche’ e’ importante che nella nostra alimentazione non vengano introdotti troppi cibi raffinati perche’ sono privi di sostanze nutrienti e sono anche infiammatori. Quindi e’ bene scegliere tutto cio’ che e’ naturale”.

L’uomo lo sappiamo bene non e’ solo corpo…quanto e’ importante mettersi in ascolto delle proprie emozioni?

“E’ davvero molto importante. Noi dobbiamo stare sempre in ascolto di noi stessi sia a livello fisico e captare i segnali che il corpo ci lancia. Bisogna aver presente e avere cura della nostra parte emozionale. Molto spesso siamo distratti e fuori noi stessi perche’ catapultati nei ritmi frenetici del quotidiano e non ascoltiamo determinati nostri stati d’animo. Questi al contrario vanno ascoltati e assecondati. E’ molto importante la connessione. Siamo un sistema complesso ma dobbiamo imparare molto di piu’ a connetterci con noi stessi che con il cellulare”.

Nelle tue consulenze uno dei problemi principali delle donne e’ il multitasking. Come dare la giusta priorita’ alle cose da fare per non sentirsi sopraffatte e quali sono i rimedi naturali che puoi consigliare?

“Di rimedi naturali ce ne sono moltissimi ma prima di parlare di questi vorrei dire che e’ importante rallentare il ritmo per fermarsi e capire quali sono le priorita’. E poi dire qualche no.
Un no detto agli altri puo’ sembrare una cosa spiacevole ma spesso si trasforma in un si detto a noi stessi. Mettere tra le priorita’ soprattutto delle micro pause di cui abbiamo bisogno e sicuramente avvalersi di rimedi naturali che possono venire in aiuto. Nel caso specifico del multitasking mi viene in mente ad esempio la rodiola che e’ una pianta tonico adattogena molto bella ed aiuta ad affrontare il surmenage fisico e mentale e supportare in questi momenti. Inoltre e’ possibile avvalersi del magnesio, un minerale prezioso molto utile e piace molto alle donne. E poi si puo’ attingere anche le vitamine del gruppo B sono molto utili quando ci si sente spossate e stressate sia a livello fisico che mentale. Insomma di rimedi naturali ce ne sono davvero tanti”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

4 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»