Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, il comandante della ‘Eleonore’: “Senza dissequestro ci sarà un’altra nave”

"Salvare le vite umane non è un crimine", ha detto Claus Peter Reisch incontrando il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – “Se il governo non dissequestrerà la ‘Eleonore’, ne prenderemo un’altra per riprendere mare e salvare vite umane. Sarà una reazione logica“. Così Claus-Peter Reisch, comandante della nave ‘Eleonore’ della ong Lifeline che ha incontrato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

Leggi anche: Migranti, la nave Eleonore forza il blocco e arriva a Pozzallo. Il sindaco: “Condizioni disumane

Tra Orlando e Reisch c’è stato uno scambio di doni. A Palazzo delle Aquile sono presenti anche il primo ufficiale della ‘Eleonore’, Martin Ernst, e il direttore della missione Lifeline, Axel Steier.

“Dai dati in nostro possesso possiamo affermare che almeno la metà delle imbarcazioni con a bordo migranti sono affondate in mare nel corso della traversata in direzione dell’Europa”, ha detto Reisch. “Come facciamo a dire questo? Nella nostra navigazione incontriamo le imbarcazioni vuote a galla“.

Salvare le vite umane non è un crimine, è un crimine invece lasciare queste persone per otto notti e otto giorni in mare”, ha ribadito il comandante della nave ‘Eleonore’.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»