Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Roma manifesti choc dei pro-vita: “Con l’eutanasia anoressici e disabili potranno farsi uccidere”

Nuova campagna dopo quella del maggio 2018, quando comparvero in varie zone della Capitale le gigantografie di un feto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nuova campagna cartellonistica dei pro-vita, contro l’eutanasia. Nella Capitale infatti sono apparsi alcuni manifesti a firma Provita e Famiglia che ritraggono una donna di mezza età su una carrozzina, e la frase ‘Lucia, 45 anni, disabile. Potrà farsi uccidere. E se fosse tua mamma?’, quindi l’hasthag #noeutanasia. Su altri cartelloni invece una giovane ragazza, evidentemente molto magra, e la frase ‘Marta, 24 anni, soffre di anoressia. Potrà farsi uccidere. E se fosse tua sorella?’. Altri ancora fanno riferimento ai malati di tumore.

I movimenti provita non sono nuovi a iniziative di questo genere: già a maggio scorso alcune gigantografie con la fotografia di un feto erano comparse in varie zone di Roma.

Sui social è un diluvio di amare critiche da parte di chi si è trovato nella difficile situazione di dover assistere i propri cari in fin di vita. “Mio papà è morto a 57 anni di tumore neuroendocrino al pancreas, l’ho visto vomitare sangue prima di 1 mese di hospice per i terminali. Una cosa che avrebbe preferito evitare, invece ha dovuto soffrire inutilmente fino all’ultimo secondo. Poi vedo questo schifo”, scrive un utente pubblicando la foto dei manifesti e ricevendo più di mille retweet. 

“Mia nonna paterna aveva 69 anni quando è morta di tumore al pancreas. L’ho vista sparire e dimenticarsi chi ero per le cure troppo pesanti. Avrei preferito vederla andarsene serenamente. Smettetela di usare qualcosa che la gente vive davvero per giustificare la vostra ignoranza”, scrive un altro utente.

“Ho visto morire di tumore persone a me carissime con sofferenze inimmaginabili e vedere questa pubblicità mi disgusta- scrive un altro- . Le persone devono essere libere di scegliere come ritenere più giusto arrivare alla fine dei propri giorni“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»