Liberi e Uguali entra nel governo: “Muroni o Speranza i nostri nomi”. L’imbarazzo di Casini: “Troppa sinistra”

Il deputato centrista eletto nelle liste del Pd rivela il suo imbarazzo per l'ingresso di Liberi e Uguali nel governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Abbiamo completato il lavoro di rifinitura sulle ultime questioni che riguardavano il programma, per noi è un buon inizio, un buon programma per un governo che possa, su alcune questioni per noi molto qualificanti, dai temi ambientali a quelli sociali e del lavoro, davvero cambiare molto nel nostro Paese”. Loredana De Petris, senatrice LeU e presidente del Misto a Palazzo Madama, lo dice lasciando Palazzo Chigi dove ha incontrato con il collega capogruppo LeU alla Camera Federico Fornaro il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte e i capogruppo M5S e Pd.

“Ci siamo occupati del programma” e “la nostra parte è ‘a posto’, poi la sintesi per la squadra spetta al presidente del Consiglio”, precisa De Petris.

Ci sarà un vostro esponente in squadra? “Sì” risponde Fornaro ai giornalisti sottolineando: “Non abbiamo chiesto nessun ministero, abbiamo chiesto pari dignità, e una presenza all’interno della compagine ministeriale”.

“Il programma- aggiunge De Petris- è stato chiuso. Ci hanno chiesto una rosa di nomi per il governo, noi abbiamo proposto Rossella Muroni e Roberto Speranza”.

VETO DI CASINI SU LEU: TROPPA SINISTRA, C’E’ IMBARAZZO

C’è l’altolà di Pierferdinando Casini sul nuovo esecutivo, in particolare l’allargamento a Leu. “Mi auguro che non nasca un governo troppo squilibrato a sinistra. Se il bicolore Pd-M5s si trasforma in un tricolore con Leu, molti di noi saranno in forte imbarazzo”, scrive il senatore centrista sui social.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»