Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Libia, Renzi: “Ministri pensano solo ai like, ne pagheremo le conseguenze”

“Quello che sta accadendo in Libia è purtroppo molto pericoloso, anche per l’Italia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Di nuovo caos in Libia. I nostri ministri, però, fanno dirette Facebook dalla spiaggia e sequestrano navi italiane con poveri migranti a bordo, ma non hanno una strategia. Pensano ai like, non alla Libia. E l’Italia abdica al proprio ruolo: ne pagheremo tutti le conseguenze”. Lo scrive su twitter Matteo Renzi, senatore Pd.

Su facebook Matteo Renzi aggiunge: “Quello che sta accadendo in Libia è purtroppo molto pericoloso, anche per l’Italia. Ma è anche l’esempio più chiaro di cosa significhi governare pensando ai ‘Mi piace’ su Facebook e non alla Politica, con la p maiuscola. I nostri ministri fanno dirette sui social dalla spiaggia e poi sequestrano navi italiane con qualche povero migrante a bordo. Pensano solo al consenso immediato e l’opinione pubblica sembra – al momento – seguirli”.

Nel frattempo, però, sottolinea, “sono privi di una visione, non toccano palla su nessun dossier geopolitico importante e quando ci sono problemi in Libia attaccano Macron, tanto per cambiare. Ma se tu sei l’Italia e non hai una strategia in Libia non puoi arrabbiarti con gli altri: prenditela con te stesso”.

“Anziché chiedere l’elemosina istituzionale per accogliere 20 eritrei- dice ancora Renzi-, elabora una strategia con gli altri Paesi, convoca un consiglio europeo, visita i paesi africani. No, perché queste sono scelte strategiche difficili da spiegare: a loro piace ciò che si vende bene al TG della sera o sul post.

Intanto la Cina investe altri 60 miliardi di dollari sull’Africa, gli altri Paesi europei, a cominciare dalla Francia, si organizzano mentre l’Italia dei populisti abdica al proprio ruolo internazionale: peccato, ne pagheremo tutti le conseguenze”.

LEGGI ANCHE:

Libia nel caos, si combatte a Tripoli: Salvini smentisce intervento italiano

Libia, Barrachina (Unhcr): “Scontri a Tripoli, migranti ostaggio”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»