Vaccini, in Veneto regime transitorio fino al 2019. Si può andare a scuola anche senza

La Regione prevede che le famiglie autocertifichino comunque le vaccinazioni già a partire da quest'anno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Quest’anno in Veneto i bambini potranno andare a scuola anche se non sono vaccinati. Un decreto di Domenico Mantoan, direttore generale dell’Area sanità della Regione, prevede infatti che fino al 2019 rimanga in vigore un regime transitorio che prevede le sanzioni per i genitori in caso non adempiano all’obbligo vaccinale, ma non la decadenza dell’iscrizione dall’istituto scolastico.

La decisione deriva da “una vistosa incongruenza” contenuta nella legge Lorenzin, che la Regione ha già evidenziato anche nel ricorso alla Corte costituzionale. La norma, pur essendo già in vigore, recita infatti che le misure descritte, tra cui la decadenza dell’iscrizione per chi non presenta la documentazione che attesta la vaccinazione, sono riferite “all’anno scolastico 2019”.

Ciò detto, la Regione prevede che le famiglie autocertifichino comunque le vaccinazioni già a partire da quest’anno. Chi non risulterà in regola sarà sanzionato e invitato a colloqui di approfondimento sul tema dei vaccini.

di Fabrizio Tommasini, giornalista

LEGGI ANCHE:

Vaccini, la Regione Veneto impugna l’obbligo. Zaia: “Ma non siamo contro”/FT e VD

Vaccini, per iscrivere i figli a scuola basta mail che attesti la richiesta, o autocertificazione

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»