Luxuria: bruttissimo il termine formazioni sociali per le unioni gay

[caption id="attachment_13776" align="alignleft" width="300"] V. Luxuria[/caption] Le unioni civili "ora
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
V. Luxuria
V. Luxuria

Le unioni civili “ora le chiamano formazioni sociali specifiche. Gli eterosessuali possono dire ‘ci sposiamo’, gli omosessuali devono dire ‘ci formiamo’. Bruttissimo”. Lo ha detto Vladimir Luxuria a Radio Cusano Campus, l’emittente dell’università Niccolò Cusano, nel corso del format ‘Ecg Regione’, curato da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

“Hanno fatto così- ha aggiunto- per togliere qualunque riferimento al matrimonio, per questo ha trovato questa denominazione italianissima e democristiana soluzione per la quale non possiamo chiamare unione, non possiamo usare la parola matrimonio, ma formazione sociale specifica. E vi preannuncio un’altra novità, Nuovo centrodestra riuscirà a ottenere anche di togliere i due testimoni, perchè anche questo secondo loro richiama il matrimonio, anche se si tratta solo di un rito civile. A parte queste criticità, comunque, il fatto che abbia votato anche il Movimento cinque stelle significa che almeno su due capisaldi, come la stepchild adoption e la reversibilità, si sta mantenendo fede alle promesse iniziali”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»