hamburger menu

Barche nell’erba nei porti sul Po, lasciati all’asciutto dalla siccità

Le piogge scarseggiano e la situazione del Po si fa sempre più critica per la siccità, come denunciano i sindaci dei Comuni emiliani affacciati sulle sponde del grande fiume

Po in secca Sissa Trecasali
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

BOLOGNA – Di piovere non ne vuol sapere e la situazione del Po si fa sempre più critica. A lanciare l’allarme sono i sindaci di alcune comunità affacciate sulle sponde del grande fiume. “Abbiamo il porto con le barche appoggiate sull’erba“, testimonia il sindaco di Sissa Trecasali, Nicola Bernardi, a margine della conferenza stampa di presentazione del Festival ‘Scorre’.

“Il porto vero e proprio è secco e si attraversa da sponda a sponda a piedi”, allarga le braccia Bernardi. Anche a Boretto la “situazione del porto è la stessa. Le barche stanno galleggiando, ma la situazione tende a peggiorare”, conferma il sindaco Matteo Benassi. Stessa ‘musica’ a Bondeno, anche se le piogge dei giorni scorsi nel Nord Italia, per quanto scarse, hanno migliorato la situazione, ma “il quadro è allarmante anche verso la fine del corso del Po“, conclude Michele Sartini, assessore alla Promozione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-04T17:33:44+02:00