Raggi inaugura spiaggia libera SPQR a Ostia: “Rivoluzione senza precedenti”

"Stiamo ripristinando la legalità, abbattendo strutture abusive che per anni sono state il simbolo di degrado e abbandono"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Dopo anni di incuria e degrado, la spiaggia dell’ex stabilimento ‘L’Arca’, a Ostia diventa ‘spiaggia SPQR’, libera e a disposizione di cittadini e turisti. Il Comune di Roma l’ha inaugurata oggi dopo aver terminato i lavori di demolizione e riqualificazione avviati nel marzo scorso. A tagliare il nastro il sindaco, Virginia Raggi, assieme alla presidente del Municipio X, Giuliana Di Pillo. Con loro anche il vicepresidente e assessore all’ambiente del Municipio X, Alessandro Ieva, e i consiglieri capitolini Paolo Ferrara e Daniele Diaco. Ad accoglierli, lo staff della Scuola Cani Salvataggio Centro-Meridionale, con una dimostrazione di recupero in mare.

Dopo anni di abbandono e degrado– ha dichiarato Raggi- restituiamo ai cittadini questa spiaggia. Abbiamo abbattuto le strutture e i chioschi irregolari e abbiamo bonificato e riqualificato l’intera area. Quello che stiamo facendo a Ostia e’ rivoluzionario e non ha precedenti: stiamo ripristinando la legalita’, riconquistando le spiagge granello per granello, e stiamo restituendo ai cittadini la vista sul mare, abbattendo strutture abusive che per anni sono state il simbolo di degrado e abbandono. Abbiamo detto no al ‘lungomuro’ e si’ al lungomare”.

Concluso l’iter di conversione da concessione demaniale a spiaggia libera, nell’area sono stati installati tutti i servizi che sono gia’ presenti nelle altre spiagge libere del litorale romano: sono state posizionate nuove passerelle, restaurati gli ombrai storici, ripristinato l’impianto idrico e posizionate fontanelle e docce. Inoltre, sono stati realizzati percorsi pedonali, scivoli per rendere la spiaggia accessibile a tutti e sono stati installati i bagni. Ripristinate anche tutte le balaustre ed eseguiti lavori di muratura e verniciatura per il decoro della spiaggia.

Altra novita’ assoluta per questo tratto di arenile riguardera’ ‘Estate Sicura 2020‘, un progetto in collaborazione con la Scuola Cani Salvataggio Centro-Meridionale che prevede sia l’attivazione di presidi di sicurezza e controllo della spiaggia con le Unita’ Cinofile da Salvataggio SICS, sia manifestazioni pubbliche per sensibilizzare la popolazione su questi temi.

“Questa spiaggia ritorna fruibile per tutti i cittadini e i turisti che vorranno frequentarla. Continua il nostro lavoro per rilanciare Ostia e per valorizzare questo territorio dalle grandi potenzialita’. Per rendere la spiaggia libera piu’ a misura di cittadino abbiamo voluto creare momenti di svago attraverso esibizioni sportive a titolo gratuito. La manifestazione di interesse che e’ stata aggiudicata va proprio in questa direzione: si svolgera’ infatti un importante torneo di beach soccer della durata di una decina di giorni”, commenta la presidente del Municipio X, Giuliana Di Pillo.

L’area demaniale marittima in questione era stata data in concessione alla ex Colonia marina e faceva parte dell’insieme delle strutture balneari sviluppatesi sull’arenile di Castel Fusano a partire dal secondo dopoguerra, quando, insieme alla ricostruzione degli stabilimenti balneari di Ostia Ponente e Levante andati distrutti dai bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale, inizio’ la realizzazione degli impianti balneari nella parte di litorale corrispondente al lido di Castel Fusano.
Il Dipartimento Urbanistica di Roma Capitale ha ricostruito l’iter tecnico-amministrativo che ha portato alla realizzazione dell’impianto balneare: e’ risultato non legittimo il permesso a costruire in sanatoria rilasciato per l’area demaniale. Per questo e’ stato avviato, e concluso, l’iter di conversione da concessione demaniale a spiaggia libera.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»