Nucleare, al via smantellamento schermi boiler reattore centrale Latina

L'intervento durerà fino al 2027 per un investimento di 278 milioni di euro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

LATINA – Sono cominciati questa mattina i lavori di demolizione degli schermi dei generatori di vapore (boiler) dell’edificio reattore della centrale nucleare di Latina. La tecnica adottata da Sogin, la società del ministero dell’Economia cui fanno capo le attività di dismissione degli impianti italiani, è la demolizione controllata con taglio in quota, a circa 50 metri di altezza, mediante disco diamantato, e la successiva movimentazione a terra dei blocchi sezionati, di circa 2 tonnellate ciascuno, con gru a torre appositamente installata. I lavori si concluderanno nel gennaio 2021.

Gli schermi sono strutture in calcestruzzo armato che isolavano dall’esterno le condotte superiori di collegamento fra i sei boiler e l’edificio reattore. Ogni schermo è costituito da due parti: un elemento superiore orizzontale, collegato all’edificio reattore, di circa 145 tonnellate, e uno inferiore verticale, in uscita dai boiler, di circa 50 tonnellate. Poi saranno trasferiti i singoli blocchi in un’area attrezzata per separare il ferro dal calcestruzzo.

 

I lavori produrranno complessivamente circa 1.200 tonnellate di materiale che, dopo gli opportuni controlli radiometrici, verranno spostate dal sito e inviate a recupero. Il processo complessivo durerà fino al 2027 per un investimento di 278 milioni di euro e cambierà definitivamente lo skyline dell’edificio reattore.

“L’edificio reattore- spiega Agostino Rivieccio, responsabile disattivazione della centrale di Latina- in questa fase si abbasserà coi lavori da 53 a 38 metri. Circa il 93% delle 319mila tonnellate di materiale con cui è stata costruita la centrale sarà recuperato“.

Radioattivo il restante 7%, pari a 19.160 tonnellate. Sogin infatti è incaricata anche della minimizzazione del quantitativo di rifiuti radioattivi prodotti, della separazione, riutilizzo e invio a recupero dei materiali metallici e del calcestruzzo, del riutilizzo di edifici e aree inizialmente adibite ad altro uso, dell’efficientamento mediante riduzione dei consumi energetici con utilizzo di componenti ad alta efficienza, dell’attuazione di politiche di miglioramento delle performance ambientali.

“Un giorno positivo”, commenta il sindaco di Latina Damiano Coletta. “Con Sogin portiamo avanti il ristoro sul territorio e l’evento di oggi è un momento molto significativo. Molto importante- aggiunge il sindaco- il messaggio di economia circolare e sostenibilità ambientale che emerge dalla giornata di oggi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»