L’Aquila, forti raffiche di vento: le fiamme verso Monte Cascio

Impegnati 180 uomini, quattro canadair e tre elicotteri per cercare di spegnere gli incendi che vanno avanti da giorni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’AQUILA -Il vento non aiuta i tanti uomini impegnati nelle operazioni di spegnimento degli incendi che stanno interessando centinaia di ettari di bosco nella zona de L’Aquila. Di pochi minuti fa l’ultimo aggiornamento, con le operazioni riprese nelle prime ore del mattino.

“Quasi tutti gli sforzi sono concentrati sul fronte di Monte Pettino per evitare che le fiamme raggiungano le abitazioni a valle. Le linee tagliafuoco realizzate sulla cresta del monte hanno tenuto- spiegano dalla Regione- ma non si è potuto evitare che le forti raffiche di vento spingessero l’incendio verso est, in direzione di Monte Cascio“.

Nelle operazioni sono al momento impegnati 50 volontari della protezione civile con 20 mezzi, 80 vigili del fuoco con 25 mezzi, 50 militari del 9° Reggimento Alpini con 10 mezzi, 4 canadair, 1 elicottero della protezione civile e 2 elicotteri. A coordinare le operazioni il responsabile della Protezione Civile regionale, Silvio Liberatore, il comandante dei vigili del fuoco, Mauro Malizia, il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, e il sindaco de L’Aquila, Pierluigi Biondi.

Proseguono da 5 giorni le operazioni di spegnimento sui monti Pettino e Omo, in provincia de #LAquila, 500 gli ettari di vegetazione bruciati: 85 #vigilidelfuoco con 45 automezzi al lavoro, ripresi dall’alba i lanci d’acqua da parte di 6 #Canadair e 2 elicotteri#4agosto 12:30 pic.twitter.com/RBoJtUoKQy

— Vigili del Fuoco (@emergenzavvf) August 4, 2020

L’AQUILA -<strong

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»