Nave-quarantena arriva a Lampedusa, migranti trasferiti a bordo

La Gnv Azzurra, salpata ieri sera da Porto Empedocle, consentirà di alleggerire la situazione dell'hotspot di contrada Imbriacola, dove fino a poche ore fa si contavano circa 900 migranti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – È arrivata in mattinata a Lampedusa la nave-quarantena ‘Azzurra’ di Gnv, sulla quale si sono gia’ imbarcati i primi migranti che nei giorni scorsi erano giunti sull’isola. La nave, salpata ieri sera da Porto Empedocle, consentira’ di alleggerire la situazione all’interno dell’hotspot di contrada Imbriacola, dove fino a poche ore fa si contavano circa novecento ospiti a fronte di una capienza ufficiale di poco meno di un centinaio.

LEGGI ANCHE: Migranti, sindaco De Luca: “Chiudo l’hotspot di Bisconte”

RAZZA: “NELL’HOTSPOT DI LAMPEDUSA PRESENTI OLTRE 400 MIGRANTI”

“Non ci si puo’ credere. La nave quarantena non ha svuotato l’Hotspot di Lampedusa ed e’ andata verso Porto Empedocle. Dicono che tornera’ giovedi’. Speriamo nel brutto tempo, perche’ se dovesse affollarsi di nuovo al momento ci sono oltre 400 migranti nell’Hotspot. Insomma, e’ finita cosi’: a sperare nel brutto tempo”. Lo dice l’assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza, che si trova a Lampedusa dove sta conducendo una ricognizione per la realizzazione di una struttura dedicata ai tamponi per i migranti. L’esponente del governo Musumeci, con il sindaco Toto’ Martello e Guido Bertolaso, che sta seguendo per la presidenza della Regione la fase post lockdown, il capo della Protezione civile regionale, Salvo Cocina, e la manager dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni, ha effettuato un sopralluogo nel poliambulatorio dell’isola: e’ uno dei siti che potrebbero ospitare il nuovo ospedale che la Regione Siciliana intende realizzare nella piu’ grande delle isole Pelagie.

BARBAGALLO (PD SICILIA): “OK ACCOGLIENZA MA GARANTIRE SICUREZZA AI LAMPEDUSANI”

Visita del segretario del Partito democratico siciliano Anthony Barbagallo a Lampedusa, nei giorni dell’emergenza sbarchi. Barbagallo ha incontrato il sindaco Toto’ Martello. “Ho voluto visitare Lampedusa, vedere di persona i luoghi e le condizioni per comprendere i disagi e le problematiche illustratemi da Martello – dice -. Il Partito democratico deve ripartire dalle persone, dai territori, dagli amministratori locali: riportero’ ai vertici del Pd e al governo le esigenze dell’Isola, tra cui la necessita’ di affrontare la questione relativa alla sospensione delle tasse che si trascina da troppi anni, gli aiuti alla marineria, il sostegno alle attivita’ imprenditoriali, il potenziamento dei servizi sanitari e dei collegamenti”.

Barbagallo, che ha incontrato anche l’eurodeputato Pietro Bartolo, storico responsabile del presidio sanitario lampedusano, poi aggiunge: “A colpirmi e’ stata soprattutto l’umanita’ del popolo lampedusano, generoso e accogliente. Salvare vite e’ prioritario. Bene il governo nazionale – aggiunge Barbagallo – che ha mandato un’altra nave per la quarantena ed il trasferimento in sicurezza dei migranti da Lampedusa. Pero’, cosi’ come ci ha ricordato il presidente della Repubblica nei giorni scorsi, bisogna ‘evitare di confondere la liberta’ con il diritto di far ammalare altri’, e’ necessario quindi garantire condizioni di vivibilita’, tutela della salute e sicurezza ai lampedusani e ai turisti che vivono l’Isola. Solo garantendo servizi e sostegno alle popolazioni di frontiera – conclude – e’ possibile attivare vere politiche di accoglienza umanitaria”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»