Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Venezia: incidente in laguna con 2 vittime. Brugnaro: “Fare chiarezza”

Poco prima di mezzanotte, nella Laguna si è verificato uno scontro tra un motoscafo e una barca di pescatori nell'area Sant’Andrea San Nicoletto del Lido
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Cordoglio alle famiglie delle vittime, la richiesta agli inquirenti di fare chiarezza quanto prima e l’augurio che episodi del genere non si ripetano. Dopo l’incidente nella laguna di Venezia, che ieri sera è costato la vita a due persone e ha causato anche quattro feriti, stamane il sindaco Luigi Brugnaro, invia un messaggio di cordoglio.

“A nome mio, della città di Venezia e di tutta la Città metropolitana esprimo alle famiglie delle due vittime dell’incidente di questa notte, il più sincero cordoglio. Ai feriti arrivi l’augurio di pronta guarigione. Gli inquirenti accertino le responsabilità di quanto accaduto, a noi, oggi, non resta che un pensiero commosso nella speranza che quanto successo non abbia più a ripetersi”, è la dichiarazione del primo cittadino.

Poco prima di mezzanotte, nella Laguna si è verificato uno scontro tra un motoscafo e una barca di pescatori nell’area Sant’Andrea San Nicoletto del Lido che ha visto il ferimento dei quattro giovani a bordo del primo e la morte delle due persone che erano sull’altra barca. La Procura ha aperto un’inchiesta.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»