Violenza donne, Pd: “Pubblicità con vittima di stupro è pericolosa”

L'indignazione delle deputate del Pd in merito alla immagine pubblicitaria del negozio Eredi Corazza di Frascati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

violenza donneROMA – “Usare il corpo di una giovane donna stramazzata a terra, come se si trattasse di una vittima di stupro, va ben oltre il cattivo gusto, ma è un simbolo pericoloso che veicola un messaggio sessista, sprezzante e violento nei confronti delle donne.” Lo dichiarano le deputate del Partito Democratico Ileana Piazzoni e Marietta Tidei in merito alla immagine pubblicitaria del negozio Eredi Corazza di Frascati.

“In un periodo in cui si susseguono episodi drammatici di femminicidio, colpisce come l’immaginario della violenza sul corpo delle donne possa essere usato a fini commerciali. Un messaggio raccapricciante di sfruttamento che – spiegano le deputate Dem – non fa altro che aumentare la preoccupazione per il livello di “normalizzazione” che la violenza verso le donne ha ormai raggiunto nella società italiana”.

“Ci auguriamo che l’immagine venga rimossa al più presto dalla rete da parte dei gestori dell’attività, accogliendo immediatamente le numerose protese e segnalazioni giunte dagli utenti e trovando, al contempo, un modo credibile per scusarsi. Il femminicidio – concludono le Deputate – si combatte innanzitutto sul piano culturale, anche attraverso la ferma condanna di immagini e messaggi commerciali di questo tipo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»