Collegato al bilancio Pisana, Sartore: “Ampia semplificazione” /VIDEO

Il testo, che conta 26 articoli, obiettivo semplificare e aggiornare l'ordinamento regionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

regione lazio grandeROMA – Partito ieri in Consiglio regionale l’approvazione del collegato al Bilancio della Regione Lazio la proposta di legge numero 338 con le ‘Disposizioni per la semplificazione, la competitivita’ e lo sviluppo della Regione’. Il cosiddetto Collegato al Bilancio e’ stato illustrato in Aula dall’assessore al Bilancio della Regione Lazio, Alessandra Sartore.

Approvato in Giunta il 28 giugno scorso, il testo e’ stato oggetto di dibattito in Commissione bilancio, in cui si sono svolte le audizioni con le parti sociali, gli organismi sindacali di categoria e confederali e gli organi datoriali, oltre alle audizioni con tutti gli assessori.

“In linea con i precedenti provvedimenti esaminati nella medesima commissione- ha detto Sartore- la proposta e’ stata oggetto di un esame attento e accurato che ha apportato al testo base talune soppressioni o stralci di disposizioni, nonche’ numerose modifiche e non ultimo l’introduzione di articoli aggiuntivi presentati sia dalla maggioranza che dall’opposizione”. In totale, ha detto l’assessore, sono stati approvati 58 emendamenti dell’opposizione, 37 della maggioranza e 37 della Giunta.


Il testo, che conta 26 articoli, rappresenta “un’ampia e complessa attivita’ di semplificazione, snellimento, razionalizzazione e aggiornamento dell’ordinamento regionale”, ha spiegato Sartore, aggiungendo che “contiene disposizioni per lo piu’ a carattere organizzatorio e ordinamentale che intervengono in diversi settori di competenza per i quali- ha aggiunto- la Regione puo’ e deve essere veicolo di crescita e sviluppo, ovvero in materia di organizzazione e semplificazione amministrativa, servizi socio-assistenziali, norme in materia di ambiente, sviluppo e competitivita’, norme in materia di patrimonio immobiliare agricolo e disposizioni urbanistiche”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»