La Regione stanzia 28 milioni di fondi Ue per il settore vitivinicolo

Ventotto milioni di euro di fondi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

vino uva vigneti toscanaVentotto milioni di euro di fondi comunitari stanziati dalla Regione per potenziare il settore della viticultura, fiore all’occhiello del nostro Made in Italy. I fondi, che rientrano nel piano di attuazione regionale del programma nazionale di sostegno per il settore vitivinicolo, saranno divisi in 10 per la sponsorizzazione dei prodotti sui mercati esteri, e nel restante per opere di ristrutturazione e riconversione delle coltivazioni viticole. Le zone che la Regione intende riqualificare e rilanciare sul mercato vanno dalle isole dell’Arcipelago -tra cui in testa la Gorgona, che ospita la casa di reclusione collegata ai Marchesi Antinori, famiglia che produce vino al 1385- ai Colli Apuani, Colli di Luni, e Ansonica Costa dell’Argentario.

Il vitivinicolo è centrale nell’agricoltura toscana, per questo grazie alle risorse comunitarie abbiamo investito negli ultimi dieci anni in modo consistente sui reimpianti dei vigneti, con una spesa di circa 210 milioni di euro – ha affermato l’assessore toscano all’Agricoltura Marco Remaschi- toccando oltre un terzo della superficie regionale dedicata alla vite”. Questo lavoro di impulso e ‘trascinamento’ delle piccole aziende insieme alle grandi viene fatto anche “in vista dell’anno prossimo, quando i diritti di reimpianto non ci saranno più ed entrerà in vigore il nuovo regime comunitario delle ‘autorizzazioni’, le cui disposizioni attuative sono ancora in corso di formulazione a livello ministeriale”, ha concluso Remaschi.

Di Carlandrea Poli – Giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»