NEWS:

Stromboli in eruzione, nube di cenere alta due chilometri. Scatta l’allerta rossa: cosa significa

Eruzione nel pomeriggio al vulcano Stromboli, da cui si è alzata una colonna di cenere alta due chilometri

Pubblicato:04-07-2024 21:27
Ultimo aggiornamento:05-07-2024 10:30

STROMBOLI
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

NAPOLI – Un flusso piroclastico si è rapidamente sviluppato nel pomeriggio sul vulcano Stromboli, lungo la Sciara del fuoco, raggiungendo la linea di costa e propagandosi in mare per diverse centinaia di metri. A darne notizia è l’osservatorio etneo dell’Ingv. La Protezione Civile ha disposto per il vulcano Stromboli un’allerta a livello rosso e la fase operativa di preallarme. 

COLONNA DI CENERE ALTA 2 CHILOMETRI

Come spiega l’Ingv, “il flusso lavico prodotto dalla bocca posta a quota 700 metri sul livello del mare “è ben alimentato”. Dalla Sciara del Fuoco si solleva “una colonna di cenere che raggiunge l’altezza di circa due chilometri“. Alle 16:17, spiega ancora l’Ingv, “si è osservato un repentino e vistoso incremento dell’ampiezza del segnale sismico che si è portata su un livello molto alto su cui attualmente permane”, dicono dall’Ingv.

L’ALLERTA ROSSA


Alla luce dell’allerta, ora viene potenziato il sistema di monitoraggio del vulcano e del raccordo informativo tra la comunità scientifica e le altre componenti e strutture operative del Servizio nazionale della protezione civile. “Indipendentemente dalle fenomenologie vulcaniche di livello locale, che possono avere frequenti variazioni, persiste una situazione di potenziate disequilibrio del vulcano. “Si invita pertanto la popolazione presente sull’isola a tenersi informata e ad attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dalle autorità locali di protezione civile”, è l’avviso della Protezione civile.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy