Libia. Dopo il raid, Tripoli valuta il rilascio dei migranti

Il governo di Tripoli "sta valutando" la chiusura dei centri di detenzione dei migranti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il governo di Tripoli “sta valutando” la chiusura dei centri di detenzione dei migranti, liberando i prigionieri affinché sia possibile garantirne la “sicurezza”: lo ha riferito il ministro dell’Interno Fathi Bashagha, citato dal quotidiano ‘Libya Observer’.

La ricostruzione è stata pubblicata all’indomani del bombardamento di un centro a Tajoura, alle porte della capitale, nel quale sono rimasti uccisi decine di migranti.

Stando al giornale, Bashagha ha detto che il governo “è tenuto a proteggere tutti i civili ma gli attacchi contro i centri di detenzione di migranti con caccia F16 vanno oltre la sua capacità di tutelarli”.

Del raid è stata accusata l’aviazione del generale Khalifa Haftar, impegnato in un’offensiva contro l’esecutivo di Tripoli, guidato da Fayez Al-Serraj.

LEGGI ANCHE:

La strage nel Mediterraneo continua: 80 migranti dispersi al largo della Tunisia

Mediterranea sfida Salvini e torna in mare: “1500 morti dall’inizio del 2019, non vogliono testimoni”

Libia, bombardato centro di detenzione migranti: almeno 35 morti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»