Vaccina la figlia e posta la foto sui social: bufera ‘no vax’ sul pallavolista Zaytsev

Bonaccini: "Frasi assurde e inaccettabili, peraltro coinvolgendo una bambina piccola: vigliacchi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – L’ira dei no vax si scaglia contro Ivan Zaytsev, campione di pallavolo e leader della nazionale italiana.

Zaytsev infatti aveva postato sui social network una foto con la figlia piccola, appena vaccinata, e il commento: “E anche il meningococco è fatto. Bravissima la mia ragazza sempre sorridente!”.

Tanto è bastato per scatenare la rivolta degli ‘haters’ che hanno commentato la foto con insluti e minacce di morte: “A voltre i sorrisi dei bambi si spengono lentamente…” e “Zingaro, spero che Salvini ti rimandi al tuo paese!”. Il campione di pallavolo, oggi in forza alla Pallavolo Modena, ha provato a rispondere, prima di cancellare gli insulti più pesanti.

Allo ‘Zar’ mi permetto di dire anche grazie, per un gesto che è di responsabilità sociale e collettiva come quello della vaccinazione”. Sono queste le parole del presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, dopo l’episodio.

“A Ivan Zaytsev, leader della nazionale italiana, va un carissimo abbraccio: non solo è il benvenuto, ma a Modena e in Emilia-Romagna siamo onorati di accogliere e avere fra di noi un campione come pochi e una persona perbene quale lui è, e tutta la sua famiglia”, scrive Bonaccini su Facebook.

“Di accoglierli- presegue- in una città e in una regione dove i valori della convivenza sono solidi e non certo rappresentati da coloro che hanno scritto frasi assurde e inaccettabili, peraltro coinvolgendo una bambina piccola: anche vigliacchi. E questo solo perché un padre ha vaccinato la figlia”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»