Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dl Dignità, Bernaudo: “Siamo fermi ad anni 50 e flat tax a babbo morto”

ROMA - “Gira che ti rigira siamo fermi agli anni ‘50”. Così il presidente di SOS partita IVA Andrea Bernaudo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Gira che ti rigira siamo fermi agli anni ‘50”. Così il presidente di SOS partita IVA Andrea Bernaudo commenta il Decreto Dignità approvato lunedì sera dal Consiglio dei Ministri.

“Purtroppo anche questo governo vuole farci credere che il mondo del lavoro vive ancora nella contrapposizione (tanto cara alla triplice sindacale) tra padroni e operai, imprese e collaboratori, partite Iva ‘vere’ contro partite Iva ‘finte’. Ma non è così! Oggi la contrapposizione- spiega Bernaudo- è tra chi lavora e produce e lo Stato ed il parastato italiano che, col suo braccio armato (burocrazia e fisco) ed i suoi sprechi, soffoca tutti: imprenditori, autonomi e dipendenti del privato”.

“Del resto, lo Stato da sempre ‘divide et impera’ il mondo del lavoro ed il governo, nonostante le promesse, rinvia la riduzione del cuneo e della pressione fiscale sulle attività produttive a babbo morto, unica soluzione per rilanciare il lavoro ed evitare le delocalizzazioni”, conclude il presidente di SOS partita IVA.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»