Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“Salvini venga al Camping river”, da Roma l’invito di rom e sinti sgomberati

Dopo lo sgombero, i nomadi del Camping river chiedono di rispettare gli accordi europei di inclusione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Con una lettera protocollata, i cittadini Rom, Sinti, Caminanti (Rsc) del Camping River di Roma hanno invitato il ministro dell’Interno Matteo Salvini ad un incontro, “per rispettare gli accordi europei di inclusione e la strategia nazionale”. Richiesto inoltre “un intervento di protezione civile a soccorso di 250 cittadini, ai quali, il sindaco Virginia Raggi e Roma Capitale, hanno distrutto e sigillato 65 abitazioni, privando le famiglie di acqua, servizi igienici ed elettricità”.

Leggi anche: Rom, concluso sgombero al Camping River. Gli abitanti: “Non abbiamo più nulla”

GUARDA IL VIDEO DELLO SGOMBERO

La lettera è stata indirizzata anche alla Commissione europea ed al Parlamento europeo. Oggi pomeriggio, a Strasburgo, si terrà infatti una discussione plenaria sulle recente dichiarazioni del ministro degli Interni italiano su Rom, Sinti, Caminanti (Rsc) e sui diritti delle minoranze nell’Ue. “In Italia continuano ancora oggi gravi illegalità nell’ambito della gestione dei Fondi strutturali europei, della Strategia nazionale Rsc- si legge in una nota- è il caso di Roma Capitale, benificiaria di 3.8 milioni provenienti dal Pon Metro 2014 – 2020 e dell’attuale situazione in essere al Camping River sito in via Tenuta Piccirilli 207, dove si stanno compiendo autentici abusi di stato“.

Leggi anche: Roma, sgomberato il Camping River. I residenti: “Trattati come animali”

L’Associazione Nazione Rom (Anr) ha presentato lo scorso 26 giugno 2018 alla Prefettura di Roma, un ricorso straordinario urgente contro l’atto emesso dall’amministrazione di Roma Capitale relativo allo sgombero Camping river con richiesta di immediata sospensione degli effetti prodotti dallo stesso e convocazione di tavolo tra le parti. Il 29 giugno 2018 Anr ha richiesto un intervento urgente di Protezione civile “per soccorrere le famiglie alle quali sono state distrutte le abitazioni. 250 persone vivono senza casa, senza acqua, senza corrente elettrica, senza servizi igienici, per gli abusi compiuti dal sindaco Virginia Raggi e da Roma Capitale”. Ad oggi “non abbiamo ancora ricevuto nessuna comunicazione formale da parte della Prefettura di Roma, ne è stato posto in essere alcun intervento di Protezione Civile- denuncia la nota- ma abbiamo appreso, attraverso i giornali, della volontà del ministro Matteo Salvini di venire a visitare il Camping River in tempi brevi insieme al sindaco di Roma Capitale Virginia Raggi”. Per questo i cittadini Rom, Sinti e Caminanti del Camping River, supportati da Anr, “invitano Matteo Salvini ad un incontro e al rispetto degli accordi europei e della strategia nazionale di inclusione”.

Leggi anche: Camping River Roma, parla un operatore: “Ecco cosa resta dopo lo sgombero”

Ti potrebbe interessare anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»