Migranti, Prodi: “Gheddafi mi minacciava di mandarmi i barconi. Francia non può lasciarci soli”

Per Prodi "la tragedia è proprio la Libia dove la pressione dell’immigrazione è grande da sempre e crescerà sempre di più”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Quando ero presidente del Consiglio quante volte Gheddafi mi ha minacciato di mandarmi dei barconi di profughi. Ma si trattava, perché alla fine c’era uno Stato”. Lo ha detto l’ex premier, Romano Prodi, in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000, in merito alla questione migranti. “Se non arriva la pace in Libia- ha aggiunto Prodi- il problema attuale diventa insolubile. La tragedia è proprio la Libia dove la pressione dell’immigrazione è grande da sempre e crescerà sempre di più”.

“Cosa mi ha ferito di più oggi?- ha concluso Prodi-. Macron che tutti attendiamo con grande ansia si vede che è attanagliato da problemi di politica interna e dai vari sindaci a partire da quello di Marsiglia. Proprio la Francia che ha avuto l’iniziativa di questa tragica guerra in Libia dovrebbe anche pensare che non può lasciare tutte le conseguenze all’Italia”.

LEGGI ANCHE:

Migranti, Austria manda i mezzi corazzati al confine. E la Farnesina convoca l’ambasciatore

Migranti, l’Inps: “Chiudere le frontiere? Ci costerebbe 38 miliardi”

Migranti, Emergency: “Europa si tira indietro, dopo i muri i carrarmati”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»