Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, Austria manda i mezzi corazzati al confine. E la Farnesina convoca l’ambasciatore

Dopo le parole del Governo austriaco, la Farnesina stamattina ha subito convocato l'ambasciatore René Pollitzer
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Austria si è detta pronta a schierare l’esercito al confine del Brennero per evitare l’ingresso dei migranti: se il flusso di arrivi dall’Italia non rallenta, ha detto il ministro della Difesa Hans Peter Doskozil, Vienna è pronta a mettere in campo controlli rafforzati alla frontiera inviando 750 soldati. E a quanto si apprendere avrebbe già provveduto a mandare al Brennero i mezzi corazzati.

Di fronte a queste dichiarazioni, la Farnesina ha subito convocato l’ambasciatore austriaco a Roma: il segretario generale del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, ambasciatrice Elisabetta Belloni, si legge in una nota, ha convocato stamane alla Farnesina l’ambasciatore austriaco a Roma,  René Pollitzer“.

LEGGI ANCHEMigranti, Parlamento Ue deserto. Juncker sbotta: “Ridicoli”. E Tajani si arrabbia: “Rispetto”

 BERLINGHIERI (PD): UE AVVII PROCEDURA INFRAZIONE CONTRO AUSTRIA

“L’annuncio del ministro della Difesa austriaco di voler schierare l’esercito al confine con l’Italia è molto grave. La Commissione Europea faccia sentire subito la sua voce: si metta immediatamente in moto per avviare sanzioni e procedure di infrazione anche contro l’Austria, dopo aver proceduto contro Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca due settimane fa”. Lo scrive su facebook la deputata del Partito democratico Marina Berlinghieri, capogruppo Pd in commissione Politiche dell’Unione Europea. “L’Austria non soltanto- prosegue Berlinghieri- non ha proceduto ai ricollocamenti, esattamente come i tre Paesi già sanzionati, ma arriva al punto di violare qualsiasi solidarietà e qualsiasi regola europea addirittura con il tentativo di blindare i confini intra-europei, con soldati e carri armati. Se oggi le istituzioni europee non interverranno, saremmo di fronte ad un segnale preoccupante e inquietante”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»