Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Saldi, bilancio del primo giorno: sconti medi del 21,55%

Sono partiti oggi i saldi estivi. Ecco gli sconti medi effettivi praticati dai commercianti secondo l'Unione nazionale consumatori.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

saldiSono partiti oggi i saldi estivi. Ecco gli sconti medi effettivi praticati dai commercianti. Per la voce complessiva di “Abbigliamento e calzature”, lo sconto medio è del 21,55%, il record per gli quanto riguarda i saldi estivi che, hanno solitamente, un ribasso inferiore rispetto a quelli invernali. Il record storico è stato toccato nel gennaio 2015, con il 23,5% di riduzione percentuale.  Lo sconto maggiore per questa estate spetta, comunque, agli “Indumenti”, una sottovoce della categoria “Abbigliamento”, che hanno un abbassamento del 22,82%. Il calo minore, come sempre, spetta agli accessori (voce Istat: Altri articoli d’abbigliamento e accessori per l’abbigliamento), con un -9,6%. Per le calzature il ribasso effettivo praticato è del 20,66%.

Dall’indagine dell’Unione nazionale consumatori, su elaborazione di dati Istat (indice Ipca), emerge in modo chiaro come durante la recessione gli sconti siano progressivamente saliti. I commercianti, insomma, sono stati indotti dalla crisi a ridurre sensibilmente i prezzi. Anche se non sono confrontabili i dati precedenti al gennaio 2011 (da qui i due grafici e le due tabelle), per via di modifiche nella metodologia dell’Istat nella rilevazione e nel calcolo degli indici dei prezzi dei prodotti stagionali, è, comunque, evidente la progressione costante dal 2006 al 2015. Ad esempio, per la voce “Abbigliamento e calzature” si passa  dal -9,1% del gennaio 2006 e -5,7% del luglio 2006, al -15,2% del gennaio 2010 e -12,3% del luglio 2010. Poi, con la nuova metodologia, si passa dal -19,1-21,1% di gennaio-luglio 2011 al -23,5-21,55% del gennaio-luglio 2015.

Dall’indagine emerge anche come gli sconti pubblicizzati (70%, 50%, minimo 30%) siano anche gonfiati. L’abitudine di aumentare il prezzo vecchio così da alzare la percentuale di sconto ed invogliare maggiormente all’acquisto è dura a morire. Il consiglio dell’UNC, quindi, è di guardare sempre al prezzo effettivo da pagare e di diffidare di riduzioni troppo elevate, superiori al 50%. Salvo nell’Alta moda, infatti, un commerciante non può avere ricarichi così alti. Con percentuali così alte, dovrebbe vendere sottocosto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»