Sardegna, servono 25 milioni per le opere incompiute

Oltre 25 milioni di euro: è questa la
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

opere incompiuteOltre 25 milioni di euro: è questa la cifra che servirebbe per portare a termine le 69 opere incompiute in Sardegna. I numeri emergono dall’elenco pubblicato l’altro giorno dal Ministero delle Infrastrutture e, come ha precisato l’assessore dei Lavori Pubblici Paolo Maninchedda, nella lista “non vi è alcuna delle grandi opere in cui la Sardegna è attualmente impegnata con risorse proprie, né sul versante delle strade, né su quello delle dighe, né su quello dell’idrico e del fognario”.

Nel dettaglio è di 25.286.712,81 la somma degli oneri per l’ultimazione dei lavori delle opere incomplete. La Sardegna con 69 incompiute risulta la terza Regione in questa speciale classifica (alle spalle di Calabria con 93 e Puglia con 81), mentre la “graduatoria” sarda vede in testa il Comune di Oristano con nove opere non finite, seguito da Nuoro, con 8. “Molti sono lavori sostanzialmente ultimati, altri sono lavori interrotti a metà, altri, una minoranza, mai partiti- ha spiegato dal suo blog Maninchedda-. Le ragioni sono tante: patto di stabilità, contenziosi generati dalla crisi economica e dalla farraginosità delle leggi italiane, incapacità amministrativa nel gestire gli appalti”. L’assessore ribadisce comunque l’impegno della Regione ad aiutare i Comuni sardi a concludere l’iter delle opere.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»