Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Indagine della procura di Catania sugli appalti gestiti al Genio civile

"Se venisse confermato quanto sta emergendo sarebbero fatti gravissimi", dice in una nota il sottosegretario alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Indagine della procura di Catania e della guardia di finanza sugli appalti gestiti al Genio civile del capoluogo etneo. A darne notizia è il quotidiano ‘Meridionews.it’, secondo cui oggi le fiamme gialle hanno effettuato diverse perquisizioni negli uffici di molte imprese sequestrando anche dei documenti.

“Se venisse confermato quanto sta emergendo sarebbero fatti gravissimi”. Lo dice in una nota il sottosegretario alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri, dopo avere appreso la notizia dell’indagine sul Genio civile di Catania. “Leggo che tra le abitazioni perquisite ci sarebbero quella dell’ingegnere capo del Genio civile e del responsabile unico dei procedimenti che hanno portato all’affidamento delle gare d’appalto sospette – aggiunge Cancelleri -. Ennesimo schiaffo ai siciliani e alla credibilità delle istituzioni, Zuccarello nominato dal presidente Musumeci commissario straordinario per gli interventi straordinari strategici della Sicilia. Dopo le vicende legali del commissario Covid e quelle del suo delfino assessore alla Sanità, non è più un legittimo sospetto ma una certezza che Musumeci – ancora Cancelleri – non sia più capace di guidare la Sicilia e risollevare le nostre sorti. I risultati delle sue attivitá-nomine finiscono ancora una volta sotto la lente di indagine della magistratura, offendendo la nostra terra che sicuramente merita di più. Da Musumeci pretendo spiegazioni sull’ennesima brutta pagina del suo governo o come al solito starà zitto di fronte ai suoi disastri?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»