Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Letizia Moratti: “L’obiettivo è la riforma della legge Maroni entro l’anno”

letizia moratti
L'assessorato al Welfare ha posto come orizzonte il 2021 per poter utilizzare le risorse messe a disposizione dal Piano nazionale di ripresa e resilienza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Marialaura Iazzetti

MILANO – “L’obiettivo è approvare la revisione della legge 23 prima della fine dell’anno“. Lo annuncia la vicepresidente e assessora al Welfare della Lombardia, Letizia Moratti, durante il convegno organizzato al Pirellone per analizzare con i consiglieri e i dirigenti delle Ats e Asst la riforma della sanità regionale.

L’assessorato al Welfare ha posto come obiettivo la fine dell’anno per poter utilizzare le risorse messe a disposizione dal Piano nazionale di ripresa e resilienza. Come sottolinea l’assessora, la Regione ha infatti deciso di prendere in considerazione nella revisione della legge 23 i punti sollevati dal Pnrr: sanità territoriale e digitalizzazione. “Credo che questa sarà la prima legge regionale a tenere conto di quanto stabilito nel Piano nazionale”, sottolinea Moratti.

Durante il suo intervento di apertura, la vicepresidente ribadisce nuovamente che “non ci sarà nessun stravolgimento della legge 23″: si tratterà, piuttosto, di rivederne gli aspetti che possono essere migliorati. Viene confermato “il ruolo d’indirizzo politico dell’assessorato al Welfare e l’indirizzo di alta programmazione della direzione generale, che rafforzerà il suo ruolo guida”.
Moratti ripete di essere disposta ad accogliere “tutti i punti di vista” per arrivare a una riforma che sia il più condivisa possibile, anche perché “la sanità non può essere appannaggio di una parte”.

LEGGI ANCHE: Comunali, per Milano Salvini conoscerà Dallocchio ma punta Racca. A Roma decide Meloni?

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»