Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Napoli, a Capodimonte arriva ‘Vacuo’: opera in memory foam del Collettivo Damp

vacuo-min_capodimonte
L'installazione, visibile al pubblico gratuitamente fino al 30 luglio, troverà posto nella sala Impasti dell'Istituto Caselli-Real Fabbrica di Capodimonte a Napoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Si intitola ‘Vacuo’ ed è un blocco di memory foam sottratto alla produzione industriale, ma è anche un’opera astratta che sollecita chi la contempla a riconoscere nella forma data alla materia tutti i gesti che l’umanità compie quotidianamente e attraverso i quali disegna e dà forma alla materia e alle sue infinite possibilità, unendo la fatica e l’arte del fabbricare alla capacità visionaria del creare e dell’innovare. L’installazione troverà posto nella sala Impasti dell’Istituto Caselli-Real Fabbrica di Capodimonte a Napoli.

L’opera del Collettivo Damp, visibile al pubblico gratuitamente fino al 30 luglio, “è il gesto con cui si avvia un lavoro per raccontare i luoghi e il loro rapporto con l’arte del produrre e del fare impresa. La storia del territorio e le sue stratificazioni”. A sottolinearlo Maria D’Ambrosio e Giovanni Petrone, ideatori del progetto Materia Viva.

Dopo Palazzo Fondi, Capodimonte segna un altro punto dell’itinerario che il progetto Materia Viva ha iniziato a tracciare per accendere attenzione ed interesse verso le aree e le attività produttive, attraverso la produzione di opere site specific.

“La presentazione di ‘Vacuo’ – precisano gli ideatori di Materia Viva – è occasione per interrogarsi e rivolgere uno sguardo più attento alle questioni legate ai processi produttivi, alla scelta delle tecnologie e dei materiali, alle idee che prendono forma, al loro caricarsi di valore o il loro svuotarsi di senso”.
L’appuntamento a Capodimonte è occasione per F2Lab e Casa del Contemporaneo di presentare il lavoro del Collettivo DAMP, ma anche di annunciare la realizzazione di un’altra opera necessaria a ‘segnare’ i luoghi di Materia Viva che coinvolgerà Caterina Morigi, artista che si concentra sui mutamenti della materia e ha già esposto in importanti spazi in Italia e non solo.

Il Comune di Marcianise, nel Casertano, ha destinato al progetto e alle finalità di Materia Viva una piazzetta urbana vicino l’ex Macello dove l’arte e il design pubblico potranno essere strumento di comunicazione sociale e di promozione territoriale.
Partner del progetto sono il Comune di Marcianise, l’Istituto Caselli-Real Fabbrica di Capodimonte, il Dipartimento di Architettura e Disegno industriale dell’Università della Campania Luigi Vanvitelli, il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e le aziende Silver Prince e Airpol Italia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»