Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La Commissione europea apre un’indagine su Facebook per violazione delle norme antitrust

facebook
L'indagine si concentra sulla presunta violazione sulle regole della concorrenza europee nell'utilizzo dei dati delle inserzioni pubblicitarie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alessio Pisanò

BRUXELLES – La Commissione europea ha aperto un’indagine antitrust per verificare se Facebook abbia violato le regole sulla concorrenza, per quanto riguarda l’utilizzo dei dati pubblicitari degli utenti aziendali registrati sul social network. Lo ha annunciato la portavoce per la Concorrenza, Arianna Podestà, durante il daily briefing odierno.

Secondo la Commissione, Facebook utilizzerebbe, in violazione sulle regole della concorrenza europee, i dati delle inserzioni pubblicitarie per competere contro i suoi concorrenti.

Inoltre, l’indagine si concentrerebbe anche sul servizio di compravendita Facebook Marketplace. Anche tale servizio prevede la possibilità di acquistare spazi pubblicitari: l’indagine vuole verificare se questi siano più o meno legati al social network, fattispecie che configurerebbe un’ulteriore violazione delle regole di concorrenza.

L’indagine nel complesso stabilirà se la posizione di primo piano di Facebook nel campo della pubblicità online crei o meno un danno ai concorrenti.

LEGGI ANCHE: Il Garante della Privacy chiede a Tik Tok nuove misure per tutelare i minori

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»