Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Minori, il Tribunale chiede la casa famiglia per il figlio di Laura Massaro

laura massaro
Per la mamma coraggio che ha fondato il Comitato madri contro la violenza istituzionale chiesta anche la decadenza dalla responsabilità genitoriale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È uscito il decreto del Tribunale per i minorenni che prevede l’allontanamento del figlio di Laura Massaro, la decadenza dalla responsabilità genitoriale per la mamma e la sospensione di ogni rapporto tra il bambino e sua madre.

Massaro, accusata di essere mamma alienante e diventata icona del movimento d’opinione che parla di violenza istituzionale contro le donne che denunciano abusi e maltrattamenti e i loro figli, da giorni chiedeva l’invio di ispettori e il sequestro del suo fascicolo. Una protesta seguita a numerose altre della donna che ha fondato il Comitato madri contro la violenza istituzionale, portando alla ribalta insieme ad altre associazioni ruolo e potere delle Ctu (consulenze tecniche d’uffcio) e l’utilizzo di alienazione parentale e affini per togliere i minori al genitore accudente, quasi sempre la madre.

In Corte d’Appello era stata rigettata la richiesta di allontanamento del bambino e l’ipotesi della casa famiglia. I giudici si erano espressi sul concetto di bigenitorialità rifiutando che l’allontanamento fosse nell’interesse del minore.

LEGGI ANCHE: Laura Massaro in sciopero della fame, Boldrini: “Bisogna vincere la battaglia contro la Pas”
La mamma coraggio Laura Massaro: “Inizio lo sciopero della fame, qualcuno ci aiuti”
Caso Massaro, il paradosso del Minorile che può prevalere sulla Corte d’Appello

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»