Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Franceschini: “Mi piacerebbe costruire arene nuove e valorizzare i Teatri di pietra”

dario franceschini
Il ministro della Cultura è intervenuta alla presentazione del Teatro greco di Siracusa ed ha commentato il "lavoro straordinario" dell'Istituto nazionale del dramma antico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Mi piacerebbe costruire arene nuove sulle grande tradizione delle arene antiche“. Lo ha detto il ministro della Cultura, Dario Franceschini, intervenuto alla presentazione delle stagioni 2021-2021 del Teatro greco di Siracusa.

“È un lavoro straordinario- ha detto riferendosi a Inda Istituto nazionale del dramma antico– molto importante, di qualità. Per la prima volta sono state presentate due stagioni, è un segnale di cambiamento e la grandissima qualità offerta dà il senso di quello che può essere Inda. Credo che oltre a questa stagione straordinaria del Teatro greco ci sia una parte che si può valorizzare e ampliare, che è quella del circuito dei Teatri di pietra. Ce ne sono moltissimi in Italia, alcuni da recuperare e alcuni perfettamente efficienti, ma è un circuito fantastico”.

Franceschini ha poi spiegato che “questo percorso fatto dal circuito dei Teatri di pietra può essere fatto anche in collaborazione con altri Paesi, come la Grecia. Ne ho parlato con il ministro della Cultura e credo possa dare ulteriore sviluppo a Inda”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»