Compleanno speciale per i 59 anni imprenditrici Aidda

Presidente Torlasco: "Abituate alle difficolta', appello alla nostra resilienza"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Non e’ stata Torino, non e’ stata la cerimonia di ogni anno, quella di ieri sera in cui Aidda (Associazione Imprenditrici Donne Dirigenti di Azienda) ha festeggiato i 59 anni dalla sua fondazione. Ma e’ stata comunque festa, una vera e propria celebrazione delle tante storie di imprenditrici che non si sono arrese alla dura crisi portata dalla pandemia. E’ proprio una carrellata di nomi, di esempi virtuosi che in questa emergenza hanno giocato un ruolo importante, a fare da cornice a questo compleanno ‘speciale’ per arrivare al cuore della serata con la presentazione della premiata ‘Donna di EccellenzaCristina Tumiatti, 46 anni, dal 2016 presidente del Comitato per l’imprenditorialita’ femminile della Camera di Commercio di Torino e vicepresidente di Amma (Aziende Meccaniche Meccatroniche Associate) e dal 2017 presidente del Centro Congressi Unione Industriale di Torino. Ha parlato di “fiducia” e “resilienza” nel suo discorso iniziale la presidente nazionale Maria Claudia Torlasco, annunciando anche importanti iniziative per il 60esimo compleanno di Aidda nel 2021: “Le difficolta’- ha detto- come imprenditrici abbiamo imparato a superarle ogni giorno della nostra carriera ed ora dobbiamo fare appello piu’ di altre volte, a una virtu’ che abbiamo dentro di noi da sempre: la resilienza. Le donne- ha aggiunto- in questo periodo si stanno rimboccando le maniche”.

 E Marisa Delgrosso, presidente della Delegazione Piemonte e Val d’Aosta ha aggiunto: “Desidero che queste esperienze non siano dimenticate e ho deciso di raccogliere tutte insieme le vostre meravigliose attivita’ di soccorso anti Covid-19 perche’ rimangano a disposizione della nostra storia e perche’ ci ricordino sempre che la capacita’ di reagire e’ una risorsa ineguagliabile”.

Ed eccole le protagoniste di questa reazione: Franca Audisio, “oltre 30mila mascherine in dieci giorni”; Carole Allemandi, che ha proposto un confronto sul web; Margherita Boiero, che ha “donato forniture necessarie all’ospedale di Moncalieri”; Luisa Caprotti, “che ha allestito server per videoconferenze”; Silvia Grassi Damiani, per “aver messo a disposizione della Protezione Civile 12mila metri quadri del Palafiere di Valenza”; Valeria Panini, per “i momenti di divulgazione su social”; e ancora Ivana Pelloso, Cinzia Pecchio, Evelina Pensa; Maria Grazia Reynaldi; Maria Pia Valpergo Milanesio e molte altre ancora che hanno trovato “la nuova via- come l’ha definita la presidente nazionale- per continuare”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»