Zaia boccia Immuni: “Non la scarico”

Il presidente del Veneto punta l'indice contro la difficoltà di gestione per le Regioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’app immuni non l’ho ancora scaricata. In queste condizioni decisamente non la scarico, a noi Regioni ci mette in grossa difficolta’“. Lo dice il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, intervenendo a ‘L’aria che tira’ su la7.

LEGGI ANCHE: Immuni, l’esperto: “Nel codice aspetti sconcertanti, governo ritiri il progetto”

“Io non contesto il tema della tracciabilità visto che è uno degli strumenti per individuare eventuali focolai nascenti – spiega Zaia- ma l’app immuni ha un paio di problemi: il primo è il problema della privacy, di dove vanno a finire i dati dei cittadini. L’altro è quello che interessa piu’ a me e per il quale ho posto una questione: che non è possibile avere una gestione del dato dialogando direttamente con il cittadino. Cioè, arriverà un sms al cittadino e questo vuol dire che noi Regioni non sapremo nulla di questi messaggi, non sappiamo se il cittadino si presenterà dal suo medico di base, se ometterà di presentarsi, se avrà paura di una quarantena. E’ difficile gestire cosi’ la sanità pubblica pensando che l’intelligenza artificiale dialogherà direttamente con il cittadino“.

LEGGI ANCHE: Zaia: “L’app Immuni? Per come è fatta ci crea solo problemi”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»