fbpx
X
Dire Oggi
Agenzia Dire
GRATIS su Play Store

Tg Cultura, edizione del 4 giugno 2020

FESTA DELLA REPUBBLICA ALL’INSEGNA DELLA CULTURA

L’Italia ha celebrato la Festa della Repubblica all’insegna della Cultura come strumento di rinascita dopo la fase più acuta dell’emergenza Coronavirus. Tanti i siti che sono tornati ad accogliere il pubblico proprio il 2 giugno, dopo quasi due mesi di chiusura. Tra tutti, la grande mostra dedicata a Raffaello alle Scuderie del Quirinale è stata riaperta dal ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini al passaggio delle Frecce tricolori. “L’Italia può ripartire guardando alla sua forza, che è l’arte, la bellezza, la storia del Paese più bello del mondo”, ha detto il ministro.

I VISITATORI TORNANO AL COLOSSEO E ALLE GALLERIE UFFIZI

Emozione per le riaperture del Parco del Colosseo e delle Gallerie degli Uffizi, due tra i più importanti e amati siti culturali. In attesa del turismo internazionale, i visitatori italiani sono tornati ad ammirare i loro capolavori preferiti in tutta traquillità e sicurezza, grazie a percorsi costruiti ad hoc dentro a Colosseo, Palatino e Foro romano e presenze ridotte della metà nel museo fiorentino. Un nuovo modo di fruire l’arte che i direttori dei due istituti auspicano anche per il futuro.

CANNES ANNUNCIA FILM CHE AVREBBERO PARTECIPATO AL FESTIVAL

L’emergenza Coronavirus non ha permesso al Festival di Cannes di festeggiare la sua 73esima edizione, ma la kermesse ha annunciato i titoli della ‘Selezione ufficiale’ che avrebbero partecipato alla celebre manifestazione cinematografica. Tra i film ‘prescelti’ che potranno uscire in sala e partecipare ad altri festival con l’etichetta ‘Cannes’, l’atteso ‘The French Dispatch’ di Wes Anderson, ‘Summer of 85’ di Francois Ozon, ‘True Mothers’ di Naomi Kawas e ‘Lover’s Rock’ di Steve McQueen. Tra i titoli selezionati non c’è l’Italia, che avrebbe potuto partecipare con il film di Nanni Moretti ‘Tre piani’.

IL 18 GIUGNO CASA LEOPARDI APRE LE STANZE PRIVATE DEL POETA

Vivere le suggestioni che toccarono l’animo del giovane poeta nelle stanze dove ha vissuto e da cui ha tratto ispirazione per comporre i suoi capolavori. Il 18 giugno saranno aperti al pubblico gli appartamenti privati di Giacomo Leopardi grazie all’evento ‘Ove abitai fanciullo’, che celebra i 200 anni dalla creazione de L’Infinito. Annunciata e prevista per marzo scorso, ma rinviata a causa dell’emergenza sanitaria, la speciale apertura realizza il desiderio di numerosi visitatori e appassionati che per la prima volta potranno accedere al piano nobile del Palazzo di Recanati.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

4 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»