Obama: “Una crisi mai vista, serva a risvegliare la nazione”

L'ex presidente degli Stati Uniti ha risposto alle domande dei cittadini. Il poliziotto che ha causato la morte di George Floyd imputato di omicidio di II grado
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Non ho mai visto una crisi così grave in vita mia; dobbiamo usarla per provocare un risveglio di tutto il Paese”: lo ha detto l’ex presidente Barack Obama, intervenendo sulla vicenda dell’uccisione di George Floyd e sulle proteste in corso da giorni negli Stati Uniti.

Obama ha risposto alle domande dei cittadini, collegato in diretta su diversi siti, da quello della Cnn a quello del New York Times. L’ex presidente si è detto incoraggiato del fatto che tanti giovani sono scesi in piazza, mostrando “una nuova mentalità”. A ospitare l’intervento di Obama è stata l’iniziativa ‘My Brother’s Keeper’, lanciata nel 2014 dopo l’uccisione del teenager afroamericano Trayvon Martin. Sul fronte giudiziario, ieri, si sono aggravate le accuse nei confronti del poliziotto incriminato per l’omicidio di Floyd. Derek Chauvin, questo il nome dell’agente, dovrà ora rispondere di omicidio di secondo grado: rischia fino a 40 anni di carcere. Incriminati anche tre suoi colleghi per “aiuto e complicità”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»