Sblocca cantieri, no ‘politico’ della Lega a Conte che sbotta: “Tutti a casa”

"Se collaborate andiamo avanti, altrimenti mi dimetto", aveva detto il premier in conferenza stampa a palazzo Chigi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La situazione nella maggioranza di governo precipita meno di un’ora dopo che il premier Giuseppe Conte ha terminato la conferenza stampa a palazzo Chigi. L’incontro coi giornalisti e’ suonato come un ultimatum all’indirizzo dei due vicepremier. E in particolare alle orecchie di Matteo Salvini, vincitore delle europee. “Se collaborate andiamo avanti, altrimenti mi dimetto”, ha detto il premier.

Leggi anche: L’ultimatum di Conte: “Di Maio e Salvini mi dicano se continuare o andare al voto”

Ore 20 a Palazzo Chigi Conte riunisce i vertici di maggioranza sullo sblocca cantieri. Assente Matteo Salvini che preferisce restare a Cremona, per un comizio. In fondo c’e’ un solo grosso nodo sul tavolo, la volonta’ della Lega di vedere approvato l’emendamento cosidetto Salvini: sospensione dell’efficacia del codice appalti per 2 anni. Uno sblocca cantieri che risolve gli intoppi alla radice.

Al tavolo oltre al premier Conte ci sono i capigruppo Patuanelli e Romeo, il ministro Toninelli. I sottosegretari Crippa, Santangelo e Valente. Coerentemente alla conferenza stampa Conte chiede di togliere di mezzo tutte le proposte non concordate. A cominciare ovviamente dall’emendamento Salvini. In questo modo il dl sblocca cantieri potra’ proseguire il cammino nell’aula del Senato.

Massimo Garavaglia, viceministro all’economia della Lega, rifiuta di compiere il passo indietro. “Ho un mandato politico“, dice a quanto apprende l’agenzia Dire, rivolto al presidente del consiglio. A Conte non resta che prendere atto del non expedit leghista. “Va bene, e allora andiamocene tutti a casa”, dice ai suoi ospiti che lasciano Palazzo Chigi in un clima di gelo. Era passata mezz’ora dall’inizio della riunione.

FONTI M5S: TESTO C’E’, PRONTI A VOTARLO

“Lo sblocca cantieri e’ pronto e gia’ condiviso tra noi e la Lega. Andiamo avanti, approviamo lo sblocca cantieri, il testo gia’ condiviso noi siamo pronti a votarlo. E ripartiamo”. Cosi’ fonti del M5s.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»