Omicidio Soumaila Sacko, Martina (Pd): “Fare subito chiarezza”

"Rivendico il lavoro di questi anni. Abbiamo segnato dei punti importanti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Conosco la realta’ di Rosarno, l’abbiamo seguita molto in questi anni perche’ abbiamo cercato di intervenire in quella realta’, ad esempio con la legge contro il caporalato. Speriamo che si faccia presto chiarezza e si individui il responsabile di questo omicidio. È una vicenda tragica e inquietante, spero che la situazione non peggiori ulteriormente”. Risponde cosi’ il segretario reggente del Partito democratico Maurizio Martina a una domanda dei conduttori di 24 Mattino su Radio24 su Rosarno.

‘PACCHIA’? DA SALVINI PAROLE INADEGUATE

“Ancora ieri le parole di Salvini non sono state misurate. È stato detto che e’ ‘finita la pacchia’ per i migranti, parole inadeguate dette dal ministro degli Interni. Stiamo ai fatti e aspettiamo di vedere i primi passi concreti. Segnalo che sono proprio gli amici di Salvini ad avere posizioni contro l’Italia. Se non si smantella il faticoso lavoro di questi anni secondo me e’ utile. Soprattutto dal punto di vista migratorio”. Lo dichiara il segretario reggente del Partito democratico.

“ORA OPPOSIZIONE, RICOSTRUIAMO INSIEME A TANTI”

“Noi abbiamo bisogno di fare un lavoro di ricostruzione e di ripartenza, assieme a tanti. Vogliamo coinvolgere tante persone anche fuori dal Pd, che hanno voglia di dare una mano. Rivendico il lavoro di questi anni. Su tante sfide abbiamo segnato dei punti importanti. E abbiamo anche commesso degli errori: di fronte alla questione sociale non abbiamo compreso quanto la situazione fosse critica. Inizieremo subito a fare il nostro mestiere di opposizione, partendo dalla questione decisiva che e’ l’agenda sociale. Vogliamo lavorare per raddoppiare il reddito di inclusione”.

LEGGI ANCHE:

“Finita la pacchia, inizia il tiro al bersaglio”: migrante ucciso nel vibonese, Usb attacca Salvini

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»