Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Torino 1400 feriti, per il senatore Airola è un complotto contro il M5s

Secondo il senatore pentastellato i dati sarebbero fasulli. Gli utenti di Facebook lo attaccano immediatamente: "Si vergogni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Un falso allarme bomba ha scatenato il panico a piazza San Carlo a Torino durante la finale di Champions League Juventus-Real Madrid: il bilancio è di almeno 1400 feriti, travolti nella fuga.

Qualcuno, però, contesta l’accaduto. E’ il senatore del Movimento 5 stelle Alberto Airola, il quale sostiene che non sia vero che così tante persone si siano fatte male e che i giornali pubblichino numeri fasulli per attaccare la Giunta della pentastellata Chiara Appendino.

“Domani facciamo il punto- ha scritto ieri sera su Facebook-, è sicuro che dopo aver chiamato vigili, prefettura e questura i dati riportati dai media sui presunti feriti a Torino in piazza San Carlo sono farlocchi. Tutto questo per infangare il buon lavoro dell’ amministratone, di prefettura e questura”.

Immediata la reazione degli utenti, alcuni dei quali presenti di persona in piazza San Carlo e testimoni della gravità dell’accaduto. “A nome di tutti coloro che come me erano in piazza ieri sera che, sempre come me, sono stati travolti e che si sono procurati tagli profondi ti suggerisco di vergognarti”, scrive Filippo Sannazzaro.  “Senatore per favore…guardi i fatti e non i complotti. In questo caso da fonti certe in loco si sa che la portata della tragedia, perché di questo di parla, è di grandissime proporzioni. Si dispiaccia per i feriti, fa una figura certamente migliore”, commenta Elena Meleleo. Qualcuno suggerisce al senatore di dichiarare che gli è stato hackerato l’account per salvare la faccia, altri ventilano l’ipotesi che vi siano “Presunte scie chimiche nel cervello di chi fa questo genere di commenti”.

LEGGI ANCHE Panico in piazza San Carlo a Torino: falso allarme bomba, 1400 persone ferite

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»